venerdì 29 giugno 2012

Piani di liquidazione per le Big Five

FONTE: Piani di liquidazione per le Big Five | ICONICON POST

Piani di liquidazione per le Big Five


Questa è forse una delle notizie concrete più importanti e che meglio ci permette di capire cosa sta succedendo dietro le quinte del mondo finanziario. Come sappiamo l’avvio di un nuovo sistema finanziario è parte stessa dell’operazione arresti di massa, e importante quindi è avere elementi per capire quanto l’attuale sistema sia vicino alla sua fine.
Il fatto che dei soggetti fino ad ora intoccabili, ossia le Big Five, JP Morgan Chase and Co, Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs and Morgan  Stanley, istituzioni considerate “troppo grandi per fallire” debbano ora presentare alle autorità di regolamentazione del settore bancario dei piani di gestione dei possibili fallimenti e debbano farlo entro il 1° Luglio ci dà l’idea di quanto attuale sia questo scenario.
Oltretutto che una notizia del genere circoli ormai su un media di massa come le News di Yahoo rafforza maggiormente l’importanza di questa informazione.
Jervé


Grandi Banche predispongono “testamenti biologici” nel caso falliscano

Con David Henry e Dave Clarke, Reuters – 27 giugno 2012
http://finance.yahoo.com/news/big-banks-craft-living-wills-075041248.html
NEW YORK / WASHINGTON (Reuters) – Cinque delle più grandi banche negli Stati Uniti stanno mettendo ritocchi sui piani per uscire dal business come parte del mandato governativo per la pianificazione di emergenza che potrebbe spingerli a districare le loro operazioni complesse.
I piani, conosciuti come testamento biologico, sono dovuti alle autorità di regolamentazione non oltre il 1 luglio ai sensi delle disposizioni della legge di riforma finanziaria Dodd-Frank destinata a porre fine ai salvataggi da parte del governo delle istituzioni “troppo grandi per fallire”. I testamenti di vita potrebbero essere lunghi più di 4.000 pagine.
Dal momento che la legge permette ai regolatori di spingersi fino al punto di ordinare ad una banca di cedere la società se non è in grado di pianificare una risoluzione ordinata di fallimento, il termine sta spingendo anche le istituzioni sane ad avviare un pluriennale processo per districare le loro operazioni complesse a livello mondiale, secondo consulenti del settore.
“Il processo di risoluzione sta ora venendo a far parte delle analisi costi-benefici del luogo in cui le banche fanno affari”, ha affermato Dan Ryan, leader della pratica dei servizi finanziari di regolamentazione presso PricewaterhouseCoopers a New York. “La complessità delle organizzazioni si ridurrà».
JPMorgan Chase & Co (JPM), Bank of America Corp (BAC), Citigroup Inc (NYS: C), Goldman Sachs & Co (GS) e Morgan Stanley (MS) sono tra coloro che hanno presentato i primi scenari di liquidazione alle autorità di regolamentazione a livello federale Reserve e la Federal Deposit Insurance Corp, secondo persone vicine alla vicenda.
Le cinque imprese, che hanno rifiutato di discutere i loro piani per questa storia, hanno alcuni dei più grandi bilanci, banchi di trading e ​​portafogli di derivati delle istituzioni finanziarie negli Stati Uniti.
Anche Gran Bretagna e altri grandi paesi stanno imponendo requisiti simili per la “risoluzione” sui loro piani di grandi banche.
I piani di liquidazione stanno venendo in mezzo a rinnovate domande circa la sicurezza delle grandi banche in seguito all’annuncio stupefacente di JPMorgan il mese scorso riguardo ad una debacle commerciale costata più di $ 2 miliardi di dollari – una somma di gran lunga troppo piccolo per mettere in pericolo la banca, ma scioccante a sufficienza per riportare a galla i ricordi di crisi finanziaria.
Un cenno al Glass-Steagall
Se la pianificazione ampia e processo di revisione funziona come sperano i sostenitori, le grandi banche saranno meno pericolose per il pubblico e le autorità di regolamentazione saranno più sicure che si possa lasciare morire le istituzioni ferite senza distruggere l’economia.
Nelle udienze congressuali all’inizio di questo mese, Jamie Dimon, CEO di JPMorgan ha detto che il piano di emergenza della banca per uscire dal mercato l’avrebbe lasciata fallire senza costo per i contribuenti. I testamenti biologici riducono il rischio sistemico di una grande banca in fallimento, ha detto Dimon.
La richiesta di Testamento Biologico potrebbe effettivamente produrre risultati tali da ripristinare Glass-Steagall senza reale rievocazione delle leggi dell’era della Depressione, che separavano le banche commerciali dalle banche di investimento, ha detto Sheila Bair, ex presidente FDIC, a Reuters TV all’inizio di questo mese.
La Bair ha dichiarato che le autorità di regolamentazione possono stabilire che, per un piano di liquidazione che funzioni, una banca deve separare l’attività bancaria tradizionale e i depositi assicurati nelle filiali dalle negoziazioni e sottoscrizioni di titoli volatili.
Le regole spingeranno le banche a districare le loro complesse strutture, che possono includere migliaia di persone giuridiche, e che, a parere di Bair, hanno effettivamente finora bloccato le proposte per suddividere le grandi corporazioni.
Se la Fed e la FDIC costringeranno effettivamente le banche a vendere aziende o recintare depositi assicurati, resta da vedere, ha avvertito Richard Herring, un professore in materia bancaria presso l’Università di Pennsylvania.
“Non sappiamo se avranno il coraggio di farlo, ma gli strumenti ci sono”, ha detto Herring, uno dei principali promotori del testamento biologico per più di un decennio, che è stato nominato come consulente FDIC sui piani di liquidazione.
Preoccupazioni di Herring sono inoltre che i piani saranno così lunga e complessi che sopraffaranno il personale delle agenzie.
Eppure, che i piani siano stati scritti per tutti è un progresso, ha detto Herring.
Piano in Due modi per morire
Sotto la Dodd-Frank Act, le banche e regolatori devono immaginare le liquidazioni in due modi diversi. Il primo è attraverso tribunali fallimentari e quindi trattative delle banche con i loro creditori. Questo è il metodo di uscita dal business previsto nel testamento biologico dovuto entro il 1 ° luglio. I testamenti devono includere anche come le controllate in giurisdizioni straniere saranno liquidate.
Il secondo modo è attraverso un nuovo tipo di processo di liquidazione in cui la FDIC prende il controllo nel processo fallimento di un gigante finanziario. Questo metodo ha una maggiore flessibilità rispetto a quella consentita nei tribunali fallimentari, ma usa ancora le informazioni critiche raccolte nel testamento biologico delle banche, riguardo esattamente a dove trovare garanzia.
Le nuove norme scaglionano le scadenze per le banche per presentare progetti, a seconda della loro dimensione e complessità. Nove banche in primo istanza, di cui cinque con sede negli Stati Uniti e quattro di proprietà all’estero. I regolatori hanno rifiutato di nominare le nove banche incluse nel primo turno.
Altre grandi banche hanno tempo fino al luglio e dicembre del prossimo anno per mettere mano ai loro piani, secondo la FDIC. Alla fine circa 124 banche sono tenute a presentare i piani, secondo la FDIC. Ci sono circa 7300 banche negli Stati Uniti.
Regolatori e grandi banche si sono riuniti a partire dal gennaio su ciò che nei piani si prevede di includere. I funzionari della Fed e Fdic hanno detto che si aspettano che l’avanti e indietro continui una volta che i piani siano stati presentati. Le regole daranno alle banche una serie di possibilità per perfezionare i loro piani.
Ma se le banche non riuscissero a trovare piani di liquidazione fattibili, le autorità di regolamentazione potrebbero ordinare alle banche di sbarazzarsi delle imprese.
L’intervento del governo è l’ultima risorsa, ha detto John Simonson, vice direttore della FDIC di pianificazione e attuazione risoluzione sistemica presso l’Ufficio di istituti finanziari complessi.
“Penso che un sacco di progresso può essere fatto per spingere queste imprese a rendersi più solvibili prima di arrivare a punto di imporre effettivamente tali rimedi gravi”, ha detto Simonson.
I regolatori vogliono vedere le prove che le banche possono tranquillamente risolvere i loro debiti e trasferire i servizi alla clientela e attività vitali alle istituzioni sane.
I piani potrebbero facilmente essere di 2.000 o 4.000 pagine, a seconda della complessità delle banche, ha detto Ryan di PricewaterhouseCoopers. I piani includono “dettaglio molto granulare” sulle operazioni bancarie, ha osservato, aggiungendo che “in molti casi, questo è un esercizio di documentazione di grandi dimensioni.”
Ad esempio, le banche devono precisare i piani per l’assunzione di avvocati e di contattare le autorità di regolamentazione nei paesi chiave.
Le regole per la lavorazione dei testamenti biologici sono 74 pagine, tra cui un supplemento esplicativo. I piani potrebbero includere anche le bozze di comunicati stampa che mostrano come le banche avrebbe annunciato che stanno andando fuori mercato, ha detto Herring.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Calcio Serie A Sport

IL Blasko!

IL Blasko!
Numero 1